Genere: Documentario

Durata: 1h 52min

Cast: Banksy, Felix Braun

Paese: UK

Distribuzione: Adler Entertainment

URL: https://appalcinema.it/api/index.php/ticketingCinemaIMG/24665/2020-11-26/200/ora/1 s

URL: https://appalcinema.it/api/index.php/ticketingCinemaIMG/24666/2020-11-26/200/ora/1 s

GET CINEMAS: 0.52566504478455 s



Banksy l'arte della ribellione

di Felix Braun

Il documentario utilizza l’artista di Bristol per sviluppare una sintesi sulla storia dell’Inghilterra attraverso alcuni capisaldi socio-politico-culturali. Dagli allarmanti movimenti in strada del 1979, dove i giovani attuavano una rivoluzione contro il bigottismo e le catene comportamentali di Margaret Tatcher, alla nascita delle varie sottoculture underground che facevano capolino dalle discoteche e dai locali inglesi in cui iniziava a farsi sentire la musica punk, e poi quella tecno insieme alle varie sperimentazioni chimiche legate agli acidi e alla LSD, fino allo scoppio delle mode accreditate dal pubblico e dalla massa. E Banksy era li, acuto osservatore e ironica cartina tornasole.
Nato a fine degli anni Settanta, cresciuto negli Ottanta e, attraverso le sue prime azioni con le più note crew di graffitari della periferia inglese – Bristol, la sua città, rimarrà sempre la matrice principale -, attivo dalla fine degli anni Novanta, Banksy si fa via via conoscere con un semplice gesto: unire all’immaginario generico un messaggio chiaro e semplice che possa essere da tutti compreso.
Con una bravura stilistica riconoscibile: era il più talentoso nel dipingere “free hand”, a mano libera, in velocità. L’arte di strada non è più nascosta tra i treni dove si rischia la vita per dipingere, o sui muri più segreti delle strade darkettone della Londra postindustriale, ma viene spostata in centro, alla mercè di tutti. Banksy, così come raccontano testimoni attivi del mondo dei graffiti inglese, tra cui il mitico Eine – quello delle “letterone” circus colorate per le strade di Londra -, Alan Ketz, Scape Martinez, fino al suo manager Steve Lazarides, ha una rapida evoluzione sia nella street art, di cui sovverte un po’ le regole, che nel mercato dell’arte.