News, News

Ebbene sì, signore e signori, Damen und Herren, ladies and gentleman e chi più ne ha più ne metta, ci risiamo.
Indovinate cosa ha in cantiere la Disney come prossimo progetto?

Sì.

Non è esattamente un reboot o un remake o un live action – e questo mi porta a pensare che, dopo tutto, un dio da qualche parte ci sia -, ma è un prequel. 

Un prequel. 
Sulla storia di Crudelia De Mon.

Ochei. 

Ma calmiamo i bollenti spiriti – disse alle sue mille personalità allo specchio, leggendo la notizia. 

Ci sono lati positivi, proviamo a concentrarci su quelli. 

Innanzitutto, della storia sappiamo poco e niente. 

E com’è che questo è un lato positivo? Beh, perché potrebbe essere il Film che tutti stiamo aspettando, la backstory di una delle villani più interessanti dell’universo disneyano. 

E no… Maleficent tesoro… decisamente non parlo di te. 

No, davvero, non fatemi parlare di quel film, non chiedetemi l’utilità del suo essere prodotto o perché ci sia addirittura in arrivo un sequel. 

Non lo so. 

Torniamo invece a bomba su Crudelia. 

Chi non vorrebbe sapere come esattamente Crudelia è diventata la spostata che tutti amiamo? Quando esattamente ha deciso che andare in giro a casa delle amiche a chiedere i cuccioli appena nati per la propria prossima pelliccia fosse un’idea spettacolare?

Guadarla che bellina.
Neanche un po’ inquietante.
Una visione del genere fa concorrenza alla visita dei testimoni di Geova alle sette del mattino della domenica, io ve lo dico. 

Di Crudelia ce ne sono state così tante che ormai si è perso il conto, da quella del cartone animato a quella del live action con Glenn Close – sì, la Disney sono anni che ci va appresso con questa idea -, passando per la Crudelia della serie tv Once Upon a Time. Serie che avrà mille difetti, ma che una cosa bella l’aveva fatta: la backstory di Crudelia era più che interessante e approfondita. Fan di Once, se ci siete battete un colpo!

La storia di questa Crudelia sarà ambientata negli anni ’80 e, a detta degli sceneggiatori, avrà una vibe molto punk rock e sarà nei cinema a partire da Natale 2020 quindi sicuramente nel frattempo qualche dettaglio in più lo avremo.

La cosa che però mi ha fatto un attimo saltare sulla sedia è stato il sapere che la nostra pellicciaia preferita sarà interpretata nientepopodimeno – questa parolina mi piace assai, sì, ormai l’avrete notato – che da Emma Stone. 

La mia reazione è stata tipo questa:

Della serie che devo ancora decidere se la cosa mi piaccia o meno, ma di sicuro sono intrigata.

Ora, non ho ben idea di cosa Emma e Crudelia abbiano in comune. 

Forse gli occhi spiritati?

Magari la Stone ai casting li ha ipnotizzati tutti e via-

Oddio.

Ricordate quell’anno agli Oscar quando sembrava che La La Land avesse vinto e invece, oplà, statuetta a Moolight? Forse era stata lei a confonderli tutti quanti, con quei suoi immensi occhi dalla dimensione quadrata di tutta la Cina e anche un po’ della Mongolia e del Vietnam… 

Okay, sto decisamente divagando.

Tornando al film, ho giusto una richiesta per gli sceneggiatori:

Per una volta potreste davvero avere tra le mani uno dei prodotti più intriganti degli ultimi anni. 

Perché non è che io sia contro ai live action, ai reboot così, senza motivo. L’ho detto e stradetto, a volte mi sembra che siano la strada facile per i soldi facili. 

Ma così…

Così è bello. 

Perché sì, va bene che Crudelia non è proprio un personaggio originale, ma la sua storia non è ancora stata raccontata. E andiamo di prequel, allora, almeno sarà qualcosa di originale al 90%. E se di questi tempi è il massimo di percentuale che mi posso aspettare… accettiamola. 

E aspettiamo di saperne di più, perché, e a questo punto mi tocca ammetterlo – persino io sono curiosa. 

Sei tiuned, insomma. 

E, come sempre, vi saluto umilmente